I

Il Festival “TODOS – Una passeggiata di culture“, nato nel 2009, distingue Lisbona come una città impegnata nel dialogo tra culture, religioni e persone di diverse origini ed età. Il Festival si apre alla città mostrando il suo volto, composto dal mondo che in esso vive e lavora. Todos significa Tutti in italiano ed esprime la volontà di partecipazione di ogni singola persona in progetti plurali. Esprimere la propria originalità e differenza per diffondere la conoscenza e un miglior modo di vivere la collettività. Tutti insieme!

Gastronomia come incontro tra culture

Nei diversi anni di esperienza si sono moltiplicati gli ambiti tematici dei progetti all’interno del Festival. Il più famoso è l’Orchestra Todos, nata nel 2011 dall’incontro con il Maestro italiano Mario Tronco, dell’Orchestra di Piazza Vittorio. Una nuova avventura dove coniugare diverse sonorità, culture e musicisti. Una nuova orchestra che nasce dai suoni che contiene la cultura portoghese mescolata con quella dei territori lusofoni.

Torniamo alla gastronomia e al suo potere diretto e semplice di aggregazione e integrazione. In questo ambito è nato il progetto “Todos – Saperi e Sapori culturali” di carattere sociale che promuove l’interculturalità attraverso il cibo appunto.

Durante i giorni del Festival in città (in luoghi diversi ogni anno) per due giorni si possono assaggiare i sapori del mondo presente a Lisbona. Il tutto direttamente dalle persone che vivono e lavorano in città. Persone che credono nel progetto e nel valore di coesione che rappresenta. Quest’anno è stato allestito il giardino di una piazza centrale della città con tavoli e sedie di tutti i colori e la possibilità di scegliere un pic nic sul prato. I diversi tavoli allestiti con le offerte culinarie da tutto il mondo davano l’opportunità di assaggiare piatti diversi a seconda della propria curiosità e gusto. Le diverse pietanze venivano pagate direttamente alle persone stesse che hanno cucinato. Il tutto in un’ambiente di festa e condivisione.

L’intenzione del progetto a lungo termine è di diffondere il cibo e i prodotti stranieri nei negozi di quartiere illustrandone le origini e la storia attraverso ricette e foglietti informativi. Una forma di promuovere l’incontro tra culture attraverso la curiosità e lo scambio alla base della nostra vita, che è nutrizione sì ma anche e soprattutto la tavola vista come momento di scambio e condivisione.

Arte, fotografia, teatro, musica

MARGENS – Arte e sociale è un’altro dei progetti all’interno del Festival Todos. Un progetto di empatie che diventa un progetto di inclusione sociale attraverso il linguaggio artistico. I diversi partecipanti hanno un’età compresa tra i venti e i cinquanta anni e hanno origini angolane, marocchine, brasiliane, portoghesi.

Il progetto nasce da un’idea nata nel 2013, durante le prime edizioni del Festival con un gruppo di senza tetto. In quell’anno è stato realizzato un progetto fotografico che ha poi visto le persone coinvolte aiutare con entusiamo anche in altri ambiti del festival . Questo incontro e passione ha dato vita nel 2014al progetto satellite Margens. Prima con un percorso di formazione dove le aree di intervento erano il teatro, la danza, la musica, il cinema, la scrittura e la lingua portoghese. Si è lavorato sulle competenze dei singoli cercando di potenziare la creatività di ognuno di loro.

I risultati del progetto si sono tradotti in installazioni e performance sonore. Inoltre, riciclando diversi materiali, si sono prodotti oggetti di qualità estetica e funzionale da vendere al pubblico durante il Festival stesso. Ogni anno, quindi, durante i giorni del Festival si può assistere a spettacoli di danza, teatro, musica oltre che vedere mostre di fotografia. Oltre al valore culturale e di conoscenza del mondo a Lisbona il tutto si traduce, anche, nella scoperta della città in quanto vengono scelti di volta in volta luoghi solitamente chiusi al pubblico e di carattere simbolico.

In fondo dando la possibilità a tutti di vivere in forma piena la loro essenza di cittadini, con diritti e doveri che permettano di raggiungere quello che tutti vorremmo essere: felici.

 

 

Non sono presenti commenti