Mostra CitAzioni


Mostra fotografica di Elena Galimberti

Tutte le fotografie sono in vendita a tiratura limitata

“La città è uno spazio che parla di tutte le anime che lo abitano ed ogni forma, ogni ombra, ogni colore, ogni geometria racconta l’uomo. Per Elena Galimberti  lo spazio della città è sempre il luogo dell’abitare e da esplorare sotto una duplice veste, da una parte la forma, l’architettura che lo struttura, tanto da dedicare un intero ciclo alle città deserte, dall’altro i suoi abitanti, i luoghi della convivialità, della condivisione, delle azioni.

E’ uno sguardo che non può prescindere dall’altro. Nella fotografia Elena raccoglie tutti i suoi punti di osservazione: da architetto, paesaggista e donna impegnata nel sociale e nella politica qual è.

Troviamo così le Tre Torri competere con le zucchine a delineare uno paesaggio urbano che recupera non solo nella forma architettonica le forme naturali, ma si presenta, sempre più, con momenti di contaminazione tra cemento e Natura. Quest’ultima non è più l’ultimo prato di periferia da edificare, ma l’orto condiviso, il giardino gestito dagli abitanti del quartiere che armonizzano fiori, frutti e cemento come religioni, lingue e professioni. E’ così che le architetture organiche del padiglione Italia all’Expo 2015, dove Elena ha lavorato, e che ha voluto sintetizzare con uno scatto in questa mostra, vanno a connotare un nuovo rapporto tra Uomo e Natura, tra architettura e Natura. Non c’è solo il piacere della geometria, in quello scatto, ma il senso di un nuovo progetto sociale in cui Elena si riconosce, in cui ormai molti si riconoscono.

Tra le fotografie esposte troviamo un parco di città avvolto nella nebbia crepuscolare che si anima di passeggiate con sacchetti da lavoro per andare chissà dove. Vediamo abitanti salire su palcoscenici imprevisti fatti da manifesti pubblicitari che ormai sempre più cambiano prospettive, creano atmosfere e raccontano storie di risate e solitudini.

Incontriamo giocolieri sfidare il traffico ai semafori e persone ritrovare il piacere di muoversi nelle nuove piazze della città tra luci, zampilli e panchine in cui poter fermarsi a prendere il sole anche a Milano, dove il mare non c’è, ma ci sono nuovi spazi aperti con nuovi orizzonti da offrire.

La ricerca della luce e delle persone

Elena non cerca il ritratto degli abitanti di città, ma il loro passo, la loro proporzione, l’occupazione dello spazio perché è lì che cerca tutta la potenza vitale dell’abitare urbano. E’ una città che cresce, che si costruisce, che si abita, che si progetta, che migliora, tant’è che Elena ha aperto un gruppo Facebook che fa da contraltare al Milanese Imbruttito: Il Milanese Abbellito.

Non c’è associazione, circolo, spazio autogestito dai cittadini che sfugga alla Elena fotografa e donna impegnata.

Va contro corrente, Elena, cerca il bello e l’armonia tra l’umano e la sua invenzione di città e per questo si inventa anche Dal virtuale al reale, un altro gruppo di relazione per trasformare lo spazio web anche in uno spazio urbano tutto da poter vivere e saper vivere. Quella di Elena Galimberti è una “città che sale” come l’avrebbe definita Boccioni. Nelle sue foto si contrappone la staticità della forma con la dinamicità che ne deriva dall’abitarla. Le due foto che chiudono la mostra con due scatti che ritraggono non Milano, ma la sua seconda città d’adozione, Lisbona, sintetizzano chiaramente questa visione.

Una è il bianco e il nero, è la struttura e la persona, dove lo spazio abbagliato di luce sale e converge in un orizzonte prospettico che passa attraverso pilastri imponenti che superano il tempo dell’uomo. L’altra è un orizzonte che si apre verso un paesaggio naturale che nessuna imposta dovrebbe mai chiudere. Ciò che per Elena Galimberti è un diaframma: una finestra sempre pronta alla luce.”

Melina Scalise

CitAzioni di Elena Galimberti

a cura di Francesco Tadini e Melina Scalise

Testi

 

Blade Runner Mood

M’illumino di rosso

Dipingo una favola colorata

Con pennelli di emozione liquida

 

In cammino

Tensione dell’anima

In continua ricerca

Magnetismo irresistibile

Di orizzonte infinito

Lampi di emozioni

Alcuni la chiamano Luce

 

La finestra sul mondo

Tanti sogni nell’aria

Tante onde lontane

Tante vite vissute

Tanti respiri nel cuore.

La finestra sul mondo

Illumina la sua semplicità.

Seleziona un riquadro

Nascondendone il resto.

 

Uno sguardo

Uno sguardo

Tra luce e ombra

Una pausa dorata

Tra le pieghe di una giornata

 

Milano vestita di pioggia

Si insinua nei capelli,

Una carezza sul viso,

Un mantello di silenzio,

Un abbraccio di solitudine

Alcuni la chiamano pioggia.

 

Milano vestita d’agosto

Ascoltare il silenzio, inseguire un sogno, costruire il presente.

Luce e Solitudine

Pensieri e Sguardi

In una città a nudo.

Passi…tanti passi,

uniti da un filo delicato che traccia il futuro nel caos della vita.

 

Rimessa laterale

La città deserta,

avvolge e accompagna,

isola e protegge.

Ti avvicina a te stesso.

Ti costringe a concentrarti.

Su chi sei. Su chi vuoi essere. Su chi sarai.

 

Uomini soli

Passi dispersi in sogni sognati.

Le vite degli altri in uno sguardo annebbiato

Le vite degli altri in uno scontro sognato

Prove di poesia per (r)esistere

 

Trittico sentimentale

Istanti di vita

La delicatezza di un bacio

Inondato di luce